Laser CO2 frazionale - Alessandro dr.Nube
895
page-template-default,page,page-id-895,page-child,parent-pageid-652,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1200,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
 

LASER CO2 FRAZIONALE

LASER CO2 FRAZIONALE

Il laser CO2 frazionato rappresenta un’evoluzione del laser CO2, denominata “frazionale”. In questo tipo di laser, il fascio luminoso (tramite il passaggio attraverso uno specifico scanner) viene emesso in modo da colpire solo microscopici punti, lasciandone altri intatti, dai quali si crea la rigenerazione tissutale con una guarigione veloce e un relativo disagio per la paziente.
Il meccanismo d’azione del laser CO2 frazionato (come AcuPulse Fractional laser CO2, LUMENIS; 1540 e Starlux 2940 Palomar, DEKA), prevede che solo una porzione di cute venga colpita dal raggio di luce (le cosiddette zone micro termiche o MTZ), mentre la maggior parte dell’epidermide rimane inalterata; da queste isole di cute sana parte un processo di rigenerazione che permette una guarigione molto rapida, tipicamente con un downtime della durata di 4 o 5 giorni.
In profondità, a livello dermico, il laser co2 frazionato provoca un riarrangiamento delle fibre collagene e un’attivazione dei fibroblasti, cioè delle cellule deputate alla formazione di nuovo collagene, acido ialuronico ed elastina.
I vantaggi: nuova metodica che permette il trattamento dei classici inestetismi del viso, come le macchie, le rughe, la perdita di elasticità, le cicatrici ipertrofiche cheloidi, le cicatrici da acne nel volto e le smagliature addome e degli arti inferiori.
Consente un rapido ritorno al lavoro o alla vita sociale.
Il laser Frazionale consente di eseguire trattamenti molto più sicuri, con rischi molto minori e con tempi di guarigione estremamente rapidi.

Il laser CO2 frazionato rappresenta un’evoluzione del laser CO2, denominata “frazionale”. In questo tipo di laser, il fascio luminoso tramite il passaggio attraverso uno scanner viene emesso in modo da colpire solo microscopici punti, lasciandone altri intatti, dai quali si crea la rigenerazione tissutale con una guarigione veloce e un relativo disagio per la paziente.
Il meccanismo d’azione del laser CO2 frazionato (come AcuPulse Fractional laser CO2, LUMENIS; 1540 e Starlux 2940 Palomar, DEKA), prevede che solo una porzione di cute venga colpita dal raggio di luce (le cosiddette zone micro termiche o MTZ), mentre la maggior parte dell’epidermide rimane inalterata; da queste isole di cute sana parte un processo di rigenerazione che permette una guarigione molto rapida, tipicamente con un downtime della durata di 4 o 5 giorni.
In profondità, a livello dermico, il laser co2 frazionato provoca un riarrangiamento delle fibre collagene e un’attivazione dei fibroblasti, cioè delle cellule deputate alla formazione di nuovo collagene, acido ialuronico ed elastina.
I vantaggi: nuova metodica che permette il trattamento dei classici inestetismi del viso, come le macchie, le rughe, la perdita di elasticità, le cicatrici ipertrofiche cheloidi, le cicatrici da acne nel volto e le smagliature addome e degli arti inferiori.
Consente un rapido ritorno al lavoro o alla vita sociale.
Il laser Frazionale consente di eseguire trattamenti molto più sicuri, con rischi molto minori e con tempi di guarigione estremamente rapidi.